12 ottobre 2020

Export: male il petrolio, tengono le altre voci



Nel secondo trimestre 2020 la Sardegna ha registrato un calo delle esportazioni di circa un miliardo di euro rispetto allo stesso periodo del 2019. Il valore dei beni esportati tra aprile e giugno è stato infatti di appena 536 milioni di euro, contro i 1.600 del 2019. Si tratta di un crollo del -66,5% che non ha eguali tra le regioni italiane e quasi triplica il dato medio nazionale (-27,9%). Ma la dinamica negativa va collegata all’andamento di un solo mercato, quello dei combustibili fossili. Se escludiamo questa voce si scopre infatti che tra aprile e giugno le esportazioni sarde sono addirittura aumentate (+2,5%) rispetto al secondo trimestre 2019 (sei milioni di euro in più): senza il settore petrolifero, che rappresenta l’80% dell’export isolano, la Sardegna diventa l’unica regione (oltre al Molise) che ha visto aumentare le esportazioni in questo primo scorcio del 2020. È quanto si evince dall’ultimo report del Centro studi della Cna Sardegna sull’export regionale che consentono di valutare l’impatto della crisi sanitaria su una componente importante per l’economia della Regione.

“Al netto dei prodotti petroliferi raffinati le esportazioni sarde hanno mostrato, nel mezzo della crisi sanitaria, una sorprendente resilienza – commentano Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna -. Bene soprattutto il comparto della lavorazione dei metalli, in grado di crescere significativamente e guadagnare importanti quote di mercato durante tutto il periodo di lock down. Guardando ai prossimi mesi, se la situazione sanitaria non dovesse precipitare, la congiuntura internazionale potrebbe riservare interessanti opportunità per l’export della Sardegna”.


CS - Export, male il petrolio, tengono le altre voci.pdf RS - Export, male il petrolio, tengono le altre voci.pdf